Crotone - C/o Castello di Carlo V - Castello Aragonese, Piazza Castello, 88900 - Crotone - Biblioteca (indirizzo uguale a museo) Tel. Biblioteca: 0962/921896-7 - Prenotazioni Post. Mediateca: 0962/921895 - Fax: 0962/921612

Visualizza mappa

e-mail: info@bibliotecadicrotone.it - biblcom@bibliotecadicrotone.it
 
Il Museo Civico nasce per testimoniare la storia della città di Crotone con pezzi datati dal XV al XIX secolo. Il percorso museale è articolato in sei sezioni.
 
 
Anno di fondazione
Fondato il 19 novembre 1982 nella Torre Aiutante del Castello, il Museo Civico fu inaugurato il 25 settembre 1987. Nel 1978, antecedente alla nascita del museo civico ma sempre all’interno del Castello, venne fondata la Biblioteca comunale
 
Proprietà
Comune di Crotone
 
Ente proprietario
Comune di Crotone
 
Ente gestore
Comune di Crotone
 
Percorso museale
Il Museo Civico nasce per testimoniare la storia della città di Crotone con pezzi datati dal XV al XIX secolo. Il percorso museale è articolato in sei sezioni.
La sezione araldica raccoglie le insegne della famiglia Ruffo, feudataria di Crotone fino al 1531. Nella sezione armeria vi sono esposti cannoni e artiglieria da naviglio in bronzo recuperati nelle acque circostanti il crotonese e armi bianche del XVIII-XIX secolo.
Nella sezione ceramica vi sono invece custoditi i reperti recuperati durante la ristrutturazione del monastero di Santa Chiara e nel Castello.
Vi sono, inoltre due sezioni tematiche; in una sono esposte stampe e foto del periodo compreso tra la fine dell’800 ed il 1950 ed una sezione del costume medievale con 52 abiti di principi, dignitari, cortigiani, popolani, artigiani e religiosi.
Infine, vi è una sezione dedicata ad i casali scomparsi quello di San Janni, sito tra Cutro e Papanice il cui nome deriva dalla presenza di un monastero intitolato a San Johannis Minago.
La Biblioteca Comunale invece custodisce oltre 18.000 volumi tra cui opere di cultura generale, testi e documenti sulla storia di Crotone, libri e manoscritti sulla storia della Calabria.All’interno della biblioteca possono anche essere consultate riviste di cultura, arte, scienze, politica, psicologia, religione, filosofia, teosofia, attualità, medicina, storia generale e locale e quotidiani locali consultabili. Un’importante sezione è quella con le 235 edizioni giuridiche e storico-politiche risalenti all’Ottocento.
raccoglie le insegne della famiglia Ruffo, feudataria di Crotone fino al 1531. Nella sezione Armeria vi sono esposti cannoni e artiglieria da naviglio recuperati nella acque circostanti il crotonese e armi bianche del XVIII-XIX secolo.
 
Informazioni sede
Il museo e la biblioteca hanno sede presso il Castello Aragonese di Crotone.Noto come Castello di Carlo V, per via dello stemma imperiale che lo connotava, il maniero vanta
una lunghissima storia che parte dall’840 d. C. circa.
Dopo secoli di vicissitudini storiche il castello, unico esempio di fortezza non arroccata su un altura bensì su di un colle, passò nel 1140 nelle mani di Federico II di Svevia che lo fortificò. Nel 1270 Carlo D’Angiò autorizzò i feudatari a riparare le torri della fortezza e concesse a Pietro Ruffo, nel 1284, la proprietà ed il titolo di Marchese. Nel 1456 il nuovo principe Alfonso D’Aragona concesse alla città di utilizzare i fondi recuperati dalle imposte per fortificare le mura del maniero. Nei secoli il Castello subì modifiche strutturali notevoli. Dopo i duri colpi inferti alla fortezza dai vari terremoti, solo nel 1960 venne restaurata la cortina sud ed in seguito recuperata quasi l’intera superficie della struttura di attuali mq 14.400 scoperti ed 2.400 coperti.
Nel maggio 1996 gli spazi mussali, dapprima costretti dal 1987 nella sola Torre Aiutante ed in parte nella Caserma Sottocampana, sono stati ampliati recuperando per intero quest’ultima ed anche la Torre Comandante in modo tale da destinare anch’essi totalmente ad esposizioni museali.
 
Sale espositive
La Torre Comandante è strutturata su quattro livelli, è servita da una scala a chiocciola che permette di comunicare con il primo livello collocato nella parte superiore della stessa torre. Qui vi sono alcune salette usate per allestire mostre temporanee.
La torre Aiutante ha invece una scala a rampe ed è diversa dalla gemella Comandante poiché la parte superiore è priva di locali.
Nella Caserma Sottocampana, in tre sale comunicanti, furono inizialmente esposti i reperti archeologici provenienti dalle collezioni private di famiglie nobiliari. Il museo venne poi ampliato aggiungendo agli spazi espositivi pre-esistenti le altre due sale della Caserma, precedentemente occupate da una biblioteca e dalla casa del custode.
La Biblioteca Comunale e la mediateca sono invece ospitate nella Caserma Campana, utilizzata fino alla fine degli anni ’70 dalla Marina Militare.
 
Idoneità sale
Le didascalie sono in italiano ed alcune in inglese. Lo stato è discreto. L’illuminazione è tenue, con faretti.
 
Tipologia museo
 
Tipologia beni museali
 
Stato conservazione reperti
Buono
 
Criteri esposizione reperti
Cronologico tematico
 
Orario di apertura al pubblico
Museo Civico:
Aperto ore 9 - 13 e 16 - 20 da martedì a sabato, 9-13 domenica, chiuso lunedì.
Ingresso gratuito
Biblioteca Comunale:
da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle ore 19. Chiusura estiva seconda e terza settimana di agosto.
 
Apertura manifestazioni
Si
 
Esposizioni occasionali periodiche
Nella Torre Comandante vengono spesso allestite mostre temporanee.
 
Media annua visitarori
Media
 
Mese maggior affluenza
Mesi primaverili, giugno e luglio
 
Responsabile struttura
Responsabile biblioteca comunale, dott.ssa Luciana Proietto
 
 
 
Servizi disponibili
 
Servizio didattico
Attività di promozione/comunicazione
Collaborazioni interistituzionali
Esistenza Servizi aggiuntivi
Biblioteca
Sala proiezioni
Libreria
Servizi igienici
Postazioni interattive e/o totem
     
Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di piu' o negare il consenso
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie
IreSud Calabria - I Musei della Calabria in rete
Copyright 2012